Buoni e cattivi, ottava giornata

I BUONI
PALACIO – Due gol e un salvataggio da grande difensore. E meno male che le notizie in arrivo dal Sudamerica lo davano acciaccato… In Torino-Inter di gran lunga il migliore in campo.
ROSSI – Le tre pepite di Pepito entrano nella storia della Fiorentina. Un campione ritrovato, più forte della sfortuna, che merita un’importante ribalta azzurra. Dopo aver perso i Mondiali del Sudafrica ed Euro2012, vuole ballare il samba in Brasile. Se lo merita.
GILARDINO – Un (bel) gol e un gollonzo. Sia come sia, una doppietta pesantissima che consente al Genoa di vincere la sua prima partita stagionale in casa (il tris nel derby era a domicilio doriano).
PJANIC – I quattro giorni che vanno da martedì 15 a venerdì 18 non li dimenticherà mai più: prima ottiene con la Bosnia la storica qualificazione al Mondiale, poi con una doppietta piega il Napoli nella sfida-scudetto dell’Olimpico. Nella Roma capolista dopo Totti, De Rossi e Gervinho si sta ritagliando uno spazio importante.

I CATTIVI
BUFFON – Non prendeva 4 gol in campionato da quasi 10 anni, da Juve-Lecce 3-4 dell’aprile 2004. Non c’era nell’ultimo poker incassato dalla Juve in A (Juve-Parma 1-4 del gennaio 2011, con Storari tra i pali). Il problema, al di là della quantità di palloni raccolti in fondo alla rete, è che in questa stagione sembra un portiere… normale.
MATRI – Corre, suda e apre spazi. Ma la porta resta un optional e agli occhi dei tifosi rossoneri più attempati ricorda sciaguratamente Egidio Calloni.
PANDEVIl pallone sprecato sullo 0-0 di Roma-Napoli e tirato in bocca al suo ex compagno De Sanctis grida ancora vendetta. Ok, meriti al portiere e al recupero successivo di De Rossi ma un attaccante non può sbagliare da quella posizione e in quelle condizioni.

PADELLI – Le uscite non sono il suo forte, ma le due frittate che provocano i gol di Guarin e Palacio sono davvero incredibili. E anche sul terzo gol nerazzurro non pare esente da colpe. Insomma, come qualcuno sospettava: se a 28 anni aveva messo insieme solo una dozzina di partite in Serie A qualche motivo ci sarà…

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *