I BUONI

TEVEZ – D’accordo, la linea difensiva granata gli ha lasciato troppa libertà nell’occasione, ma il gol che decide il derby (al netto delle topiche arbitrali) è da incorniciare. L’ennesima perla dell’attaccante argentino che meriterebbe il suo terzo Mondiale consecutivo ma che certamente si perderà per volere del ct Sabella e del presidente della Federcalcio argentina Grondona.
RADU – Nella serata della feroce contestazione a Lotito (perfettamente condivisibile se veicolata in termini civili e non violenti), la perla nel deserto dell’orribile primo tempo di Lazio-Sassuolo è il magico sinistro del romeno. Non nuovo peraltro a prodezze del genere.
GARCIA – Con il gol di Nainggolan salgono a 14 i marcatori giallorossi. Insomma, la Roma targata Garcia non avrà il supercannoniere in grado di arrivare a quota 20 reti ma la cooperativa del gol funziona alla perfezione e il dato accresce i meriti dell’allenatore francese. Quando si dice il collettivo.
TAARABT – Confesso: la notizia del suo arrivo l’avevo archiviata alla voce “acquisto folkloristico”, l’ennesimo di un calcio italiano ormai periferico in Europa. Invece il marocchino ha grandi numeri. Certo, il gol di Marassi è stato facile facile (mentre quello del debutto al San Paolo era stato una prodezza). Ma da quando è arrivato in rossonero, Adil ha trasmesso una scossa adrenalinica all’attacco del Milan (che non è solo Balotelli&Kakà).

I CATTIVI
MILITO – Il Principe del Triplete sembra proprio arrivato al capolinea. Classe ’79, classe cristallina, serietà esemplare in campo e fuori, l’istinto del killer: Un grandissimo del calcio, insomma, Diego Milito. Che non a caso ha già deciso che a giugno lascerà l’Inter e l’Italia. Con grande dignità e (per le prove attuali) con il rimpianto per il Campione che fu.

DOVERI & TOMMASI – Arbitro titolare e arbitro d’area ignorano il netto fallo di Pazzini sul portiere doriano Da Costa e convalidano il (palesemente irregolare) gol del raddoppio milanista di Rami. Una volta si diceva: arbitro, occhiali!
RIZZOLI & CALVARESE – Rizzoli ha sulla coscienza la mancata espulsione di Vidal (meritevole del secondo giallo in almeno tre occasioni) e (in parte) il mancato e sacrosanto rigore pro Toro per sgambetto di Pirlo su El Kaddouri. Ma l’arbitro addizionale (de che?) Calvarese nell’occasione ha le sue belle responsabilità. Una volta si diceva: arbitro, occhiali! (parte-2).

DA COSTA – Ok, nel gol del raddoppio milanista non ha colpe (quelle sono tutte – vedi sopra – degli arbitri). Ma in occasione della rete apripartita di Taarabt commette un errore madornale che spiana la strada alla vittoria rossonera.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *