Buoni e cattivi, settima giornata

I BUONI

FLORENZI – Garcia, Totti e Gervinho si prendono giustamente i titoloni per l’impresa romanista a San Siro. Ma il giovin Alessandro si merita applausi a scena aperta. Un gol segnato con la freddezza glaciale del bomber di razza, chilometri e chilometri macinati alla Scala del calcio con una stupefacente lucidità. Ha già segnato finora 4 gol, più di quanti (3) ne mise a segno nello scorso torneo. Un centrocampista, come dicono in Spagna, “todoterreno” che può essere una risorsa importante in chiave azzurra ai prossimi Mondiali brasiliani.

CASSANO – Il talento di Bari è stato giudicato dai ct azzurri un po’ come si fa con le targhe alterne in era di battaglia allo smog: Mondiali 2002 out (by Trap); Euro2004 ok (by Trap); Mondiali 2006 out (by Lippi); Euro2008 ok (by Donadoni); Mondiali 2010 out (by Lippi); Euro2012 ok (by Prandelli). Per provare a giocare almeno un Mondiale ha lasciato Milano per rifiorire in provincia. E a Parma sta facendo di tutto per salire sull’aereo mundialista. Contro il Sassuolo gol e due assist. Fare meglio è impossibile.

MANDORLINI– Per lui la Serie A era una sorta di tabù. L’aveva assaggiata due volte (con l’Atalanta nel 2004 e il Siena nel 2007) con risultati complessivamente disastrosi: 1 sola vittoria in 26 partite per un totale di 16 punti conquistati su un totale di 78 disponibili. Con il suo Verona (portato in tre stagioni dalla C alla A) sta facendo mirabilie e ha già raccolto la bellezza di 13 punti che per ora gli valgono un solitario quinto posto da Europa League.

I CATTIVI

ACERBI-ANTONINI-RANOCCHIA – In rigoroso ordine alfabetico, un trio di centrali (quello del Genoa, in verità, adattato causa emergenza) che hanno fatto la felicità rispettivamente degli attacchi di Parma, Catania e Roma. Un trio sciagurato, almeno in questo turno di campionato. E dire che Ranocchia e, in passato, Acerbi hanno fatto pure parte del giro azzurro…

GERVASONI – I recuperi non fanno per lui. Nel tempo addizionale della prima frazione di gioco, annulla il 2-0 doriano a Marassi per un sofismo regolamentare davvero assurdo. E replica nel recupero della ripresa assegnando al Doria il classico rigore… compensativo. Cioè, sbaglia due volte.

ALLEGRI – Il suo Milan dopo sette giornate ha gli stessi punti del Livorno di mister Nicola e ben sei in meno rispetto a un’altra neopromossa, il Verona. E’ vero che con le sue partenze con il freno a mano tirato è riuscito a fare peggio (lo scorso anno i rossoneri erano fermi a quota 7) ma certi numeri e certi confronti sono davvero poco dignitosi.