Juve dei record, tanti top e qualche flop

PREMIO GUANTONI D’ORO – Come una buona bottiglia di Barolo, invecchiando… migliora. Gigi Buffon a 38 anni mette la sua griffe sul suo settimo scudetto personale (e sarebbero 9 senza Calciopoli…). Lo fa, nel week-end decisivo, parando domenica sera il rigore a Kalinic. Lo fa nella stagione dei 974 minuti di imbattibilità. Lo fa dopo il discorso da Capitano Vero nel post sconfitta in casa del Sassuolo. Sempre più Leader maximo…

PREMIO APACHE 2.0 – Ha quattro partite, Coppa Italia compresa, il Gioiello (la Joya) per far meglio di Carlitos Tevez al suo primo anno in bianconero  quando segnò 21 reti. Paulo Dybala di gol ne ha firmati finora 20, a Firenze è rimasto all’asciutto ma di sicuro è stato il miglior acquisto della stagione, chiamato a prendere il posto di quell’Apache che molti consideravano insostituibile. Invece la versione modernista di Tevez, meno “cattivo” ma più “bello” (calcisticamente, si capisce…), ha convinto tutti.

PREMIO TRIS D’ASSI – Terzo scudetto personale per Max Allegri. Che fin dal suo primo arrivo a Vinovo non ha fatto rimpiangere Antonio Conte. E che anzi ha fatto molto meglio del suo predecessore in campo internazionale. Una finale Champions e un’incredibile e sfortunata eliminazione contro il grande Bayern Monaco sono medaglie al valor europeo che Conte non è mai riuscito ad appuntarsi sul petto.

PREMIO TRIPLA CIFRA – Magari un po’ a corrente alternata, ma la sua quarta stagione alla Juventus certifica il valore in tripla cifra sul mercato di Paul Pogba. Costato quanto un monolocale nella centralissima Via Roma (neppure 300mila euro) nell’estate 2012 e valutato oggi almeno 100 milioni. Allegri spera di averlo anche per la prossima annata, lui ha fatto capire che resterebbe volentieri. Insomma, una storia destinata al lieto fine.

PREMIO MINISTRO DELLA DIFESA – Difficile valutare il valore di mercato di Andrea Barzagli, classe ’81. Di sicuro è più facile considerare la sua straordinaria importanza, nel cuore della difesa, come sul centrodestra o addirittura nel ruolo di terzino puro. Una garanzia per rendimento, un leader per personalità, un campione per correttezza.

PREMIO MUSCOLI DI SETA – Solo nel suo primo anno alla Juve (quando peraltro non era titolarissimo) ha giocato così poco. Più che il peso degli anni (deve ancora compierne 32), i guai muscolari hanno perseguitato in questa stagione Giorgio Chiellini, tra stiramenti e ricadute. Diciamo comunque che visto il rendimento della Juve e soprattutto della difesa bianconera nessuno se ne è accorto…

PREMIO IN BOCCA AL LUPO – Salterà Euro2016 e ha chiuso a quota zero gol in stagione per la prima volta da quando è alla Juve in A. Mancherà terribilmente in Francia, Claudio Marchisio, che comunque il suo scudetto se lo è ampiamente guadagnato con prestazioni all’insegna della personalità e del grande senso tattico. Ma siamo sicuri che nel prossimo autunno il brutto infortunio al ginocchio sarà solo un brutto ricordo.

PREMIO FLOP – Per il Tucu parlano i numeri: 6 gol e 52 gettoni di presenza tra campionato e coppe nella scorsa stagione contro le zero reti e le 14 partite (perlopiù spezzoni) giocate quest’anno. Qualche acciacco di troppo, ma soprattutto un calo di rendimento che non gli assicura di rimanere in bianconero nel 2016-17. E’ proprio quella dell’argentino Roberto Pereyra la nota più stonata dello scudetto juventino 2016.

 

Quei bravi ragazzi del ’76…

PREMIO IN BOCCA AL LUPO – Un grande abbraccio a Claudio Marchisio, centrocampista completo, professionista di valore e uomo di grandi principi. Mancherà alla Juve in questo rush finale e soprattutto mancherà alla Nazionale che a Euro2016 perde uno dei suoi giocatori di maggior personalità. Un sincero in bocca al lupo, con la speranza di rivederlo presto – più forte di prima – nella prossima stagione. 

PREMIO BRAVI RAGAZZI – Qualche decennio fa Miguel Bosè cantava “bravi ragazzi noi del ’56”. Il tema si potrebbe aggiornare in “bravi ragazzi (e bravi allenatori) noi del ’76”. Simone Inzaghi (40 anni compiuti lo scorso 5 aprile) colleziona con la Lazio (2-0 all’Empoli) la sua seconda vittoria consecutiva; Cristian Brocchi (40 anni compiuti il 31 gennaio) comincia con il piede giusto la sua avventura alla guida del Milan. Insomma, largo ai quarantenni. Almeno in panchina.

PREMIO RIECCOLO – E a proposito di 40 anni, li compirà il 27 settembre Francesco Totti, capitano di una Roma sempre legata a lui nel bene e nel male. Contro il Bologna suo l’assist per il pareggio di Salah, a Bergamo sua la firma sul 3-3. Con coda polemica su una lite nel tunnel tra Totti e Spalletti: toni accesi ma pronte smentite. Di sicuro il feeling tra il numero 10 e il tecnico è ai minimi termini.  

PREMIO RE DEL DRIBBLING – Che Jack Bonaventura sia un elemento dotatissimo sotto il profilo tecnico (e, aggiungiamo, uno dei pochi della rosa milanista ad avere spessore internazionale) non è una sorpresa. Di sicuro è una magia da applaudire e da gustarsi più e più volte al replay il dribbling secco con il quale fa fuori in un colpo solo Fernando e Barreto per poi servire l’assist-cioccolatino per il gol vincente di Bacca.  

PREMIO AUTOGOL – La cazziata, questa volta, va a chi scrive, al titolare di questa blog-rubrica. Nel censurare la pessima partita di Romagnoli contro la Juventus, abbiamo reso colpevole il giovane e promettente difensore centrale rossonero di un’espulsione “fantasma” nel corso di Fiorentina-Milan. Confondendo quel doppio giallo in realtà ascritto a Rodrigo Ely con quello rimediato – parecchie settimane più tardi – dall’ex doriano a Marassi contro il Genoa. Chiediamo venia al medesimo Romagnoli, ai lettori e in special modo ai colleghi Mauro Suma (direttore di Milanchannel) e Stefano Melegari (caporedattore di Forza Milan), attenti e solerti nel sottolineare, giustamente, la nostra topica.

PREMIO PAPERISSIMA – L’aria di primavera gioca brutti scherzi ai portieri. L’anno scorso (6 maggio) una clamorosa svirgolata mancina di Daniele Padelli costò al Torino la sconfitta casalinga contro l’Empoli; domenica pomeriggio (17 aprile) a Firenze la paperona (mal)destra di Andrea Consigli è costata al Sassuolo il terzo gol che ha chiuso la sfida sul 3-1 pro Fiorentina. Curioso che due clamorosi incidenti del genere siano capitati a portieri di grande esperienza (Padelli è un classe ’85, Consigli un ’87)

Biglia, leader da big. Un Melo da tagliare

PREMIO OSCAR DELLA REGIA – Ok, quella della Lazio in casa Inter passerà alla storia come una vittoria targata Candreva. Epperò noi di Buoniecattivi vogliamo andare controcorrente. E assegniamo la palma del migliore della sfida di San Siro a Lucas Biglia. Regista sontuoso (nonchè capitano; fascia strappata proprio a Candreva a inizio stagione) della Lazio e della Seleccion argentina. Uno che ha raggiunto la piena maturazione e che meriterebbe – non ce ne vogliano i tifosi biancocelesti – scenari da Champions. Anzi, è davvero incredibile che le tre grandi potenze del nostro calcio non gli abbiano mai messo gli occhi addosso. Vedere il malinconico Milan dei nostri giorni sotto la regia (?) di Montolivo o di De Jong fa tristezza. Pensare che Mancini debba ricorrere davanti alla difesa alla coppia Melo-Medel dopo il (per ora) fallito inserimento di Kondogbia fa davvero strano. Così come la Juve – perso Pirlo – ha perso una buona occasione per non snaturare un Marchisio che il regista lo fa all’occorrenza ma senza “sentirlo” un granchè. Ecco, Lucas Biglia farebbe girare alla perfezione il gioco delle tre grandi con le maglie a strisce. Perchè ha sale in zucca e la bacchetta magica nei piedi.

PREMIO HORROR – In ritardo sulla chiusura del primo gol laziale. In assurdo raptus in occasione del rigore procurato su Milinkovic-Savic. In imperdonabile trance agonistica quando sferra a Biglia un calcio tra collo, spalla e orecchio per l’espulsione finale. Tre-obbrobri-tre. Felipe Melo insomma è tornato. E’ tornato quello che ai Mondiali sudafricani del 2010 aveva causato l’eliminazione della Seleçao nei quarti contro l’Olanda: deviazione alle spalle di Julio Cesar per il pareggio orange dopo il vantaggio di Robinho e – a 17 minuti dalla fine – sconsiderata espulsione per un’entrataccia su Robben. Allora Melo aveva 27 anni e giocava nella Juve. Che dopo averlo sbolognato al Galatasaray ha cominciato (sarà un caso?) a vincere.

PREMIO PANCHINA D’ORO – Una decina di anni fa era un giovanissimo allenatore emergente senza patentino che salvava Ascoli e Cagliari in Serie A offrendo bel gioco e irreprensibile fase difensiva. Poi – sfiorata secondo vari rumors mercatari la panchina della Juventus – Marco Giampaolo aveva preso l’autostrada dell’involuzione. Esoneri in serie (Siena, Catania e Cesena in A, Brescia in B) e una ripartenza neppure troppo gloriosa in Lega Pro, con la Cremonese: subentro a Montorfano ma neppure i playoff. Ripescato dalla lungimirante dirigenza dell’Empoli, rieccolo Giampaolo. Uno da panchina d’oro.

PREMIO LIBRO CUORE – Alessandro Florenzi detto Flore, quello del super-golazo al Barcellona, ha messo in discesa con un gol tutta rabbia la sfida della Roma contro il Genoa. Andando poi ad abbracciare – in una scenetta da libro Cuore – il suo allenatore e mentore Rudi Garcia. Che dopo giorni di bufera può sedersi a tavola la sera del 24 e tagliarsi la fetta di panettone. Magari pensando a evitare, contro il Real Madrid, la figuraccia rimediata al Camp Nou.

PREMIO LA PRIMA VOLTA – Josip Ilicic ha chiuso con un sinistro magico all’incrocio dei pali la pratica Chievo. Fiorentina sul 2-0, Fiorentina che sale a braccetto con il Napoli a quota 35, a -1 dalla vetta nerazzurra. Per il talentuoso centrocampista sloveno si tratta del settimo gol stagionale, primo però su azione: finora infatti Ilicic aveva fatto centro solo dal dischetto. Con le 10 reti del croato Ilicic, Paulo Sousa ha i suoi buoni motivi(cic) per lasciar fuori Pepito Rossi…