I BUONI

TEVEZ – D’accordo, la linea difensiva granata gli ha lasciato troppa libertà nell’occasione, ma il gol che decide il derby (al netto delle topiche arbitrali) è da incorniciare. L’ennesima perla dell’attaccante argentino che meriterebbe il suo terzo Mondiale consecutivo ma che certamente si perderà per volere del ct Sabella e del presidente della Federcalcio argentina Grondona.
RADU – Nella serata della feroce contestazione a Lotito (perfettamente condivisibile se veicolata in termini civili e non violenti), la perla nel deserto dell’orribile primo tempo di Lazio-Sassuolo è il magico sinistro del romeno. Non nuovo peraltro a prodezze del genere.
GARCIA – Con il gol di Nainggolan salgono a 14 i marcatori giallorossi. Insomma, la Roma targata Garcia non avrà il supercannoniere in grado di arrivare a quota 20 reti ma la cooperativa del gol funziona alla perfezione e il dato accresce i meriti dell’allenatore francese. Quando si dice il collettivo.
TAARABT – Confesso: la notizia del suo arrivo l’avevo archiviata alla voce “acquisto folkloristico”, l’ennesimo di un calcio italiano ormai periferico in Europa. Invece il marocchino ha grandi numeri. Certo, il gol di Marassi è stato facile facile (mentre quello del debutto al San Paolo era stato una prodezza). Ma da quando è arrivato in rossonero, Adil ha trasmesso una scossa adrenalinica all’attacco del Milan (che non è solo Balotelli&Kakà).

I CATTIVI
MILITO – Il Principe del Triplete sembra proprio arrivato al capolinea. Classe ’79, classe cristallina, serietà esemplare in campo e fuori, l’istinto del killer: Un grandissimo del calcio, insomma, Diego Milito. Che non a caso ha già deciso che a giugno lascerà l’Inter e l’Italia. Con grande dignità e (per le prove attuali) con il rimpianto per il Campione che fu.

DOVERI & TOMMASI – Arbitro titolare e arbitro d’area ignorano il netto fallo di Pazzini sul portiere doriano Da Costa e convalidano il (palesemente irregolare) gol del raddoppio milanista di Rami. Una volta si diceva: arbitro, occhiali!
RIZZOLI & CALVARESE – Rizzoli ha sulla coscienza la mancata espulsione di Vidal (meritevole del secondo giallo in almeno tre occasioni) e (in parte) il mancato e sacrosanto rigore pro Toro per sgambetto di Pirlo su El Kaddouri. Ma l’arbitro addizionale (de che?) Calvarese nell’occasione ha le sue belle responsabilità. Una volta si diceva: arbitro, occhiali! (parte-2).

DA COSTA – Ok, nel gol del raddoppio milanista non ha colpe (quelle sono tutte – vedi sopra – degli arbitri). Ma in occasione della rete apripartita di Taarabt commette un errore madornale che spiana la strada alla vittoria rossonera.

 

Buoni e cattivi, quindicesima giornata

I BUONI

DESTRO – Mette alle spalle sei mesi tribolatissimi, mette il piede (destro) nell’azione che regala alla Roma due punti d’oro che tengono i giallorossi in piena corsa per lo scudetto. Con Totti convalescente e Borriello acciaccato, il terzo centravanti della rosa di Garcia dà un segnale importante al campionato e,perchè no, a Prandelli.
SAU – Due gol per tre punti pesantissimi del Cagliari contro il Genoa in una partita dove comunque (vedi sotto) ha pesato parecchio l’arbitraggio. Un vero gioiello la prima rete con dribbling insistito e destro all’incrocio fuori dalla portata del bravissimo Perin. A 26 anni, per questo attaccante sardo di Sorgono (Nuoro), è arrivata la stagione della conferma dopo le buone cose mostrate nello scorso torneo.
BALOTELLI – Due gol, una traversa interna e soprattutto atteggiamenti finalmente positivi: non protesta, non cade puerilmente nelle provocazioni, scambia magliette e sorrisi con gli avversari a fine primo tempo e a fine partita. Un SuperMario da bene, bravo, bis.
SANSONE – Lo scorso anno aveva segnato all’Inter un gran gol al Tardini, adesso si toglie lo sfizio di rompere il ghiaccio (non era ancora andato a rete in questo campionato) con una doppietta (la prima in carriera) a San Siro. A 22 anni questo figlio di emigrati nato a Monaco di Baviera, attaccante tecnico e veloce, sta raccogliendo applausi a scena aperta.

I CATTIVI

MAZZARRI – Passi per il continuo rinvio della prima vittoria in campionato da dedicare a Thohir, passi per una “pareggite” che sta complicando la rincorsa Champions (terzo pari consecutivo contro squadre non esattamente di prima fascia; due in casa contro Samp e Parma, uno a Bologna). Quel che non è accettabile – in primis dallo stesso Mazzarri – è la disattenzione di una difesa che ha subito sei gol nelle ultime tre partite al Meazza (compresa la sfida di Coppa contro il Trapani). E contro il Parma, oltre alle reti incassate, sono state concesse almeno altre quattro occasioni clamorose…
GABRIEL & RAFAEL – Le mancate vittorie di Milan e Napoli sono ascrivibili in gran parte alle incertezze dei portieri brasiliani che hanno rimpiazzato sabato Abbiati e Reina. Considerato che anche Fiorentina e Sampdoria (con Neto e Da Costa) non sembrano blindatissime in porta, rimane solo il Rafael del Verona a continuare una tradizione di superportieri brasiliani che ha visto in Dida e Julio Cesar i migliori esponenti dell’ultimo decennio. Di certo Gabriel e il Rafael napoletano non paiono all’altezza degli antichi guerrieri della porta di Milan e Inter.
BIANCHI – L’ex capitano del Torino venerdì sera giocava il suo derby personale contro la Juventus. Risultato: zero tiri in porta e utilità alla causa quasi nulla. La Juve ha vinto in scioltezza e Buffon, imbattuto da 640 minuti, ha trascorso una serata di grande relax.
GIACOMELLI – Davvero inconcepibile il secondo cartellino giallo sventolato sotto il naso di Manfredini: il difensore genoano ha subito spinte e strattoni da Daniele Conti e, come il capitano del Cagliari, è stato ammonito. Una decisione davvero incomprensibile.

Buoni e cattivi, sesta giornata

I BUONI
GARCIA – Poche parole, per la Roma di mister Rudi parlano i numeri: 6 per 3 uguale 18 (punti). Miglior attacco con 17 gol e miglior difesa d’Europa (1 solo gol al passivo).

PANDEV – Benitez gli regala un sabato da protagonista e il macedone torna in versione triplete-interista. A Marassi gli basta e avanza un doblete per uscire dal cono d’ombra… real dove lo avevano ficcato gli arrivi in attacco di Higuain e Callejon.
ITURBE – Una punizione da applausi, una magia che rende meno blasfemi gli accostamenti che lo perseguitano da un po’ di anni. Il “nuovo Messi” paraguaiano con passaporto argentino fa godere il Bentegodi e lancia il Verona ai confini della zona Europa. Ha 20 anni, grandissime doti tecniche e buoni margini di miglioramento. Intanto si gode il suo primo gol europeo dopo la non brillantissima esperienza nel Porto (proprietario del suo cartellino).
DENIS – Nonostante 31 reti in due campionati, a Bergamo qualcuno cominciava a dubitare del Tanque. Esempio di professionalità e di rara continuità sottoporta, German inverte la tendenza con una doppietta da tre punti all’Udinese dopo l’andamento lento di inizio stagione (un gol nelle prime cinque giornate). E si conferma bomber di razza.
DI FRANCESCO – Lo 0-7 contro l’Inter aveva fatto tremare la panchina di Eusebio. E il calendario successivo al tracollo (Napoli-Sassuolo e Sassuolo-Lazio) faceva tremare i polsi. Invece il tecnico ha saputo dare la scossa giusta alla squadra: pareggio con rimonta al San Paolo e pareggio con doppia rimonta a Reggio Emilia contro i capitolini. Con il rimpianto di aver potuto addirittura vincere una delle due partite terribili.

I CATTIVI
GUARDALINEE – Quelli che un tempo erano chiamati “segnalinee” e oggi più prosaicamente sono stati ribattezzati “assistenti” si confermano tra i meno in palla di questo inizio di stagione. Il mantovano Fabiano Preti a Verona ha annullato appena qualche giorno fa un gol clamorosamente regolare di Paloschi quando Chievo e Juve erano sull’1-1. Il napoletano (di Ercolano) Claudio La Rocca nel derby torinese non ha colto l’evidente posizione di offside di Tevez al momento del colpo di testa di Bonucci. Errori pesantissimi. E sul gol (irregolare) di Pogba complimenti anche a Orsato, arbitro aggiunto di porta, pure lui bello addormentato nell’occasione…
PREZIOSI – Come nel Monopoli, il presidente rossoblù becca la carta (lo 0-2 contro il Napoli) che lo riporta alla casella di partenza. A quando, quasi tre anni fa, licenziò Gasperini dopo una sconfitta a Palermo. Da allora sulla panchina del Genoa è stata un’ecatombe: otto allenatori esonerati (Ballardini, Malesani, Marino, ancora Malesani, De Canio, Delneri, ancora Ballardini e Liverani; in realtà Ballardini non è mai stato esonerato ma nelle sue due esperienze genovesi il suo contratto non è stato prolungato) e un Genoa sempre lontano anni luce dal miglior piazzamento dei tempi recenti, il quinto posto ottenuto con il Gasp nella stagione 2008-09.
DA COSTA – Piange anche la parte blucerchiata di Genova. Quello del portiere continua a essere un nervo scoperto. Partito l’argentino Romero, non esattamente una saracinesca nonostante sia titolare nella Seleccion, delude anche Da Costa. Il gol milanista di Birsa non è parso imparabile, tante altre reti al passivo doriano sono arrivate per errori marchiani del portiere brasiliano.
MATRI – Nei due anni precedenti aveva fatto la fortuna della Juve targata Conte. Tornato alla base rossonera, sta diventando la disperazione di Allegri. Ancora a secco, fa indigestione di gol sbagliati. I puristi della tattica lo difendono: fa salire la squadra e fa i movimenti giusti. I tifosi, invece, si mordono le mani dalla rabbia. E a quelli più attempati fa tornare in mente lo sciagurato Egidio Calloni…