Destro-Icardi, che giornata

I BUONI

 

DESTRO – E’ anche un po’ cattivello (quella manata galeotta ad Astori avrebbe potuto negargli una domenica da protagonista e potrebbe costargli tre turni di squalifica) ma davanti alla porta non perdona. Un tris con sapore carioca, quello del Sant’Elia che ne rilancia le quotazioni azzurre in chiave Mundial. Per ora a godersi i gol di Mattia è Rudi Garcia che prova a dar corpo alla mission impossible di rimontare la Juventus.

ICARDI – Il secondo gol di sabato è un gioiello di balistica e precisione, il primo gol è da mostrare agli aspiranti calciatori sotto la voce “come deve muoversi in area un centravanti”. I guai fisici che lo avevano tormentato a inizio stagione e la tempesta ormonale della sua love story con Wanda Nara vanno definitivamente in archivio, soppiantati da un rendimento lusinghiero che salva la panchina di un Mazzarri che non è che lo vedesse così bene…

REJA – La serietà e il lavoro pagano, sempre. Mister Edy ne è la più lampante testimonianza. Con una squadra non eccelsa e in una situazione ambientale delicatissima, sta tenendo la Lazio in zona Europa League. Che questa Lazio, sfiancata nei mesi scorsi anche dal doppio fronte europeo, abbia solo due punti in meno dell’Inter è già un mezzo miracolo.

PAROLO – Con il gol da tre punti rifilato a Reina raggiunge quota 8 reti. E 8 è anche il voto che merita la stagione di questo centrocampista completo che merita la ribalta azzurra in chiave Mondiale e in futuro una big: tifosissimo del Milan, farebbe comodo ai rossoneri come anche all’Inter che lo segue da un po’ di tempo.

 

I CATTIVI

MAZZARRI – Ridurre tutto allo slogan “è un momento così, passerà” non fa onore a un allenatore che in carriera non aveva mai sbagliato un colpo. Dopo imprese storiche (promozione in A con il Livorno, salvezza con la pluripenalizzata Reggina, finale di coppa Italia con la Sampdoria, secondo posto con il Napoli) Walterone è di fronte al primo flop in panchina. Al di là dei punti e della posizione in classifica la sua Inter gioca male. E Mazzarri a volte, nei commenti post, dà l’impressione di aver visto partite diverse da quelle svoltesi effettivamente sul campo.

MURIEL – Dov’è finito l’attaccante che tanto ricordava nelle movenze Ronaldo il Fenomeno? Se lo chiedono in tanti a Udine e dintorni. Anche a Firenze il colombiano ha esibito la sbiadita copia di se stesso. Sbagliando pure un gol facile facile (peraltro in fuorigioco, come giustamente segnalato dal guardalinee). Nell’anonimo campionato dell’Udinese il flop di Muriel è chiaro ed evidente quanto l’esplosione tra i pali di Scuffet.

MILITO – Il canto del cigno del Principe si materializza dal dischetto: dopo 33 partite l’Inter si vede fischiare (bontà sua) un rigore a favore. Ma Diego, l’eroe del Triplete, arriva mollaccione sul dischetto e spara a salve tra le manone di Curci. In Argentina ne aspettano il ritorno i tifosi del Racing di Avellaneda (che con lui festeggiarono uno storico scudetto nel 2001); a San Siro ci si domanda il perchè non abbia tirato quel maledetto rigore Icardi o Hernanes. Comunque la si veda, banalità da “senno del poi”.

BENITEZ – A questo punto solo la conquista della Coppa Italia può salvare una stagione che rischia di essere se non proprio fallimentare sicuramente deludente. La sconfitta di Parma chiude ogni chance di lotta per il secondo posto (la Roma è infatti a +12), come pure quella dell’andata (gol di Cassano al San Paolo) aveva dato l’idea che questa squadra non poteva lottare concretamente per lo scudetto. E don Rafaè deve lavorare sodo, sul mercato ma non solo.

 

DESTRO NON FA RIMPIANGERE TOTTI

I BUONI

DESTRO – Non fa rimpiangere Totti, apre e chiude la sfida contro la Samp con un colpo di testa piazzato e con un guizzo in area da centravanti vero. Se davvero tutti i guai dei mesi scorsi sono archiviati, il calcio italiano e la Nazionale ritrovano una grandissima punta in chiave Brasil 2014.
MARAN – Lezione di calcio alla Lazio, tre punti e una salvezza che non appare più come una chimera. Già dall’autorevole pareggio di San Siro contro l’Inter si era capito che il Catania versione Maran-2 (dopo l’esonero di De Canio) ha da giocarsi molte chances per rimanere in Serie A.
ICARDI – Al netto della sua (netta) posizione di offside, la zampata del 2-1 a Firenze che regala all’Inter una vittoria fuori casa dopo più di tre mesi è gol da vero “puntero”. E archivia finalmente mesi e mesi di sexy-tweet di cui francamente non ne potevamo proprio più…
EMERSON – Venerdì sera il missile all’incrocio di SuperMario Balotelli contro il Bologna aveva strappato applausi e rubato la scena. Beh, il mancino di Emerson a Cagliari è stato, se possibile, ancor più bello. Incredibile davvero la storia di questo 33enne centrocampista brasiliano alla sua prima stagione in A, sconosciuto al suo Paese e che fino a tre anni fa giocava nel Lumezzane, in Lega Pro.

I CATTIVI

PERIN & SCUFFET – I due più promettenti portieri del nostro calcio non consegnano alla storia errori particolari. Ma sicuramente sono i più arrabbiati tra i protagonisti di Genoa-Udinese 3-3. Tre gol sul groppone a testa per una domenica che non è l’ideale per chi gioca in porta…
HONDA – Da quando è arrivato al Milan, mai una magia, mai un tocco di quelli che pure lo caratterizzavano nei suoi trascorsi nel Cska Mosca e nella nazionale del Giappone. Anche contro il Bologna il nippo è parso un ectoplasma.
KLOSE – Clamoroso al Cibali: il vecchio guerriero tedesco non la vede mai. Gli anni passano anche per Miroslav, che ne ha 35 e ultimamente li dimostra tutti.