Sarrimpianto rossonero e Pipita megl’e Careca

PREMIO RIMPIANTO – Lo sportivissimo presidente rossonero Silvio Berlusconi ha ormai istituzionalizzato le visite nello spogliatoio della squadra ospite. Dopo il 2-1 (immeritato) del Milan contro il Sassuolo aveva riempito di elogi il tecnico Eusebio Di Francesco. Sabato sera, dopo lo 0-0 (immeritato) tra Milan e Atalanta, ha detto a Reja che la sua squadra sembrava il Milan “di Sacchi”. Grandi complimenti agli avversari da perfetto padrone di casa, ma anche da tifoso deluso per un gioco che il suo Milan dopo quasi 4 mesi di gestione Mihajlovic ancora non riesce a esprimere. Il presidente ha sempre apprezzato il bel gioco (anzi, “giuoco”) e di sicuro si starà domandando il perchè – dopo il lungo corteggiamento primaverile ad opera di Galliani – a guidare il Milan non sia arrivato Maurizio Sarri, maestro di calcio, anzichè il sergente di ferro serbo Sinisa Mihajlovic. Peccato, perchè la scelta di Sarri poteva essere – quasi trent’anni dopo – la riproposizione della geniale idea Sacchi dell’estate ’87. Un Milan-lab(oratorio) che a suo tempo ha fatto storia con l’Arrigo da Fusignano e che con Sarri avrebbe potuto, anche se più in piccolo, scrivere pagine importanti nonostante gli interpreti non siano esattamente all’altezza di quelli del Grande Milan.

PREMIO SUPERBOMBER – Gonzalo Higuain alias El Pipita (il Nasone, soprannome ereditato da papà Jorge, difensore di Boca e River negli anni ’80 e ’90, detto “Pipa”) guida con 9 gol la classifica cannonieri. Il suo Napoli viaggia che è una meraviglia anche se al momento è solo quarto, alle spalle del duo-capolista Inter e Fiorentina e della Roma. Ma in casa azzurra il dibattito è aperto: Higuain è il miglior centravanti della storia del Napoli? Un superdomandone per un superbomber. Anzi, per tanti superbomber. Perchè negli ultimi 40 anni la numero 9 azzurra è stata indossata da straordinari cannonieri. Josè Altafini arriva sotto il Vesuvio nell’estate ’65 insieme con Omar Sivori: tanti gol ma zero tituli, per dirla con Mourinho. Beppe Savoldi, mister 2 miliardi, infiamma la piazza nell’estate del ’75, al momento del suo arrivo da Bologna, ma quello era un “piccolo” Napoli con limitate ambizioni. Poi, nell’estate ’87, con il Napoli fresco di scudetto, ecco arrivare Careca dal Brasile per far coppia con Maradona: bis scudetto nel ’90 e coppe per l’estasi partenopea. Più in tempi recenti, cinque anni fa, dal Palermo approda a Napoli (con la maglia però numero 7) l’uruguagio Edison Cavani: 104 gol in tre stagioni, grande intesa con il Pocho Lavezzi e poi una Coppa Italia prima di un doloroso divorzio. Dei quattro illustri predecessori, numeri a parte, Careca a nostro avviso si fa preferire. Ma il Pipita sta, se possibile, incidendo di più sulle fortune del Napoli.

PREMIO PRATICITA’ – L’Inter capolista ha segnato la metà dei gol della Fiorentina capolista. Incredibile: 24 a 12 il confronto a favore dei viola in quanto a reti realizzate. Ma la sicura marcia della squadra di Mancini si basa su una difesa solidissima che ha incassato gol soltanto in 4 delle 12 giornate di campionato disputate. E se si esclude il raptus-harakiri proprio del confronto diretto a San Siro (1-4), risulta che in 11 partite la retroguardia nerazzurra ha subìto solo 3 gol. Merito delle parate del ritrovato Handanovic, della nuova coppia centrale Miranda-Murillo e della copertura di un centrocampo bello roccioso con Medel e Felipe Melo. E poi, diciamolo, anche di un Roberto Mancini che da giocatore era – con Roby Baggio – l’emblema del calcio elegante e fantasioso. E che da tecnico ha saputo coniugare al meglio gioco e risultati.

 

Vazquez e la miopia di Juve, Milan e Inter…

PREMIO TREQUARTISTA – La Juve un trequartista l’ha cercato tutta l’estate: Draxler, Mkhitaryan, Isco, Oscar e via mercatando citando solo alcuni degli obiettivi sensibili di Marotta. Che poi ha dovuto ripiegare su Hernanes (non esattamente un trequartista, non esattamente un campione). Mihajlovic ha dovuto cambiare il modulo del suo Milan per la mancanza di un valido trequartista: disastrosi Honda e Suso, fuori ruolo Bonaventura. Insomma, nessuno che potesse assolvere il compito al meglio; obbligato dunque il passaggio dal 4-3-1-2 al 4-3-3. L’Inter di Mancini non ha un giocatore con quelle caratteristiche in rosa e, magari, Icardi ne risente. Insomma, stupisce la miopia delle tre tradizionali grandi del nostro calcio: Franco Vazquez, migliore in campo sabato sera in Palermo-Inter 1-1 e nel giro della nazionale azzurra di Conte, ha talento e personalità per fare il trequartista in una grande squadra. Detto in soldoni, farebbe al caso di Allegri, Mihajlovic e Mancini…

PREMIO CORAGGIO – Magari avrà qualche responsabilità sulla punizione-gol di Berardi per il momentaneo pareggio del Sassuolo. In ogni caso salutiamo positivamente l’esordio in A di Gigi Donnarumma, classe 1999, tradotto 16 anni e rotti. Pochi in assoluto, pochissimi per un portiere. Che comunque ha grandi mezzi tecnici e fisici e personalità da vendere. Un bravo infine a mister Sinisa: il suo Milan gioca quasi sempre in modo orribile, ma almeno il tecnico serbo ha avuto il coraggio di gettare nella mischia il portierino-gigante rossonero. Un po’ come fece a suo tempo, novembre ’95 in occasione di un Parma-Milan, Nevio Scala con un altro giovanissimo Gigi: Buffon.

PREMIO MONTELLA – Gol, assist, rigore procurato. Contro l’Atalanta si è rivisto il miglior Dybala. Uno che somiglia tremendamente al Montella esploso una ventina di anni fa. Un sinistro che incanta in un fisico non propriamente da corazziere. E poi un ruolo – centravanti – che i tecnici stentano a riconoscergli pienamente. Come Montella nella Roma, con Capello che gli preferiva Batistuta obbligandolo a girare intorno all’argentino. Più o meno come fa Allegri, che si affida a Morata o a Mandzukic in mezzo all’area costringendo Dybala a partire da dietro. Ma la qualità è eccelsa e la disponibilità anche. Per questo Dybala diventerà a breve un valore aggiunto di questa Juve non (ancora) irresistibile.

PREMIO PICHICHI- Un gol con un sinistro devastante; prima, due pali tanto per gradire. Gonzalo Higuain – che non segnava fuori casa in campionato da più di nove mesi – trascina il Napoli sulla scia della Roma capolista e riconquista la camiseta della Seleccion. Il ct argentino Tata Martino lo aveva segato dalle convocazioni per le prime sfide di qualificazione a Russia 2018 dopo aver rifiutato – per un’influenza più o meno diplomatica – una chiamata per due amichevoli negli Usa nell’estate scorsa. Ma – senza Messi e con Aguero fuori uso dopo nemmeno mezzora – l’attacco dell’Argentina ha fatto flop nello 0-2 casalingo contro l’Ecuador e poi nello 0-0 di Asuncion contro il Paraguay. E così il Pichichi della nostra Serie A tornerà a vestire la camiseta albiceleste a furor di popolo. Provando a regalare – contro il Brasile il prossimo 12 novembre – la prima vittoria all’Argentina nella lunga maratona di qualificazione mondiale.

 

 

Insigne merita la 10 di Dieguito

PREMIO MARADONA – Un assist e due gol. La partita perfetta per Lorenzo Insigne. Peccato per quel numero 24 sulla schiena… Ora è chiaro ed evidente che di Diego Maradona ce n’è uno e (non ce ne voglia Messi) non ce ne saranno altri per chissà quanto tempo. Ma sarebbe bello che il Napoli liberasse la maglia numero 10 ritirata in onore di Dieguito. E la consegnasse allo scugnizzo di Grumo Nevano. La cui valorizzazione è uno dei tanti meriti di Sarri. Che dopo le critiche proprio di Maradona, che non lo riteneva all’altezza del Napoli, non ha più sbagliato un colpo. Continua a leggere

Pradè lo scopri-Kalinic e le bufale Hernanes & Romagnoli

PREMIO TALENT SCOUT – Alzi la mano chi – in estate – pensava che l’acquisto di Nikola Kalinic (costato 5,5 milioni di euro versati nelle casse del Dnipro) potesse fare grande la Fiorentina. E allora applausi sinceri a Daniele Pradè, che ha avuto l’intuzione (geniale) di ricorrere al croato per dare sostanza all’attacco viola, affiancando Kalinic a Pepito Rossi e a Babacar. Il tanto celebrato connazionale Mario Mandzukic, per dire, ha due anni in più della punta viola che ha fatto nera l’Inter ed è costato, tra cartellino e ingaggio, quattro volte tanto. Rendendo, finora, molto ma molto meno…

PREMIO BUFALA – La penosa prestazione di Hernanes in quel del San Paolo ha fatto tornare d’attualità un po’ di quesiti che circolano da anni sul conto del brasiliano. Ma cos’è veramente Hernanes? Da trequartista non ha mai convinto, da regista davanti alla difesa men che meno (e la prova di sabato scorso è lì a ricordarcelo), da mezzala non è nè carne nè pesce. Insomma, Hernanes sembra incarnare la generazione dei brasiliani del futebol di oggi. Quella, tanto per intenderci, che ha subito l’umiliante 1-7 dai tedeschi appena una quindicina di mesi fa al Mundial.

PREMIO CHI LA DURA LA VINCE – Il granata Benassi ha cominciato questa stagione 2015-16 con due pesanti fardelli addosso. Da un suo errore scaturì la sconfitta nel derby d’andata dello scorso campionato e un altro suo errore ha in pratica decretato l’eliminazione del Toro in Europa League da parte dello Zenit nella scorsa primavera. Eppure il livornese scuola Inter non si è abbattuto: ha lavorato sodo e grazie ai consigli di Mastro Ventura è riuscito a mettersi alle spalle topiche che avrebbero intaccato le certezze di chiunque. E così ecco l’eurogol “alla Van Basten” che abbatte il Palermo e riporta i granata in zona Champions League.

PREMIO SALTA LA PANCHINA – Il Bologna di Delio Rossi è di gran lunga la squadra che ha espresso fin qui il peggior gioco delle 20 di Serie A. La sconfitta interna con l’Udinese è lì a certificarlo. Alle loro spalle i rossoblù hanno le matricole Carpi e Frosinone. Ma in realtà questo Bologna per il gioco che (non) esprime meriterebbe l’ultimo posto in classifica. Nonostante l’arrivo per esempio di Destro, la squadra stenta e non trova sbocchi in avanti. E la vittoria con il Frosinone sarebbe potuta benissimo essere un pareggio. Che vedrebbe oggi proprio il Bologna a chiudere la graduatoria.

PREMIO PRESUNZIONE – Chissà che l’oneroso investimento effettuato dal Milan per Romagnoli (fortissimamente voluto da quel Mihajlovic che lo aveva valorizzato alla Sampdoria) possa un domani rivelarsi azzeccato. Per ora – in assenza di prestazioni da urlo che giustifichino i 25 e passa milioni sborsati dai rossoneri – Romagnoli si è messo in luce per l’ingenuo rigore procurato a Firenze alla prima di campionato e per l’espulsione rimediata domenica all’ora di pranzo a Marassi. Hai voglia a smoviolare e analizzare la giustezza dei due gialli: Romagnoli si faccia un bel bagno di umiltà se davvero vuole onorare la numero 13 che è stata a lungo sulle spalle di Alessandro Nesta. Lui, sì, un fuori serie.

 

L’amnesia di Conte e Jovetic nuovo… Ganz

Foto IPP/Sabattini - Modena 30/08/2015 Calcio Campionato serie A 2015 2016 - Carpi - Inter - Nella foto Jovetic esulta dopo il golPREMIO GANZ – “El segna semper lù” gridavano e scrivevano sugli striscioni i tifosi dell’Inter pre-Ronaldo per festeggiare i gol a raffica di Maurizio Ganz. Adesso nella nuova Inter 2015-16 “el segna semper (e solo) lù”, dove il “lu” ha il numero 10 e le sembianze di Stevan Jovetic. Jo-Jo 3 gol, Inter 6 punti. Elementare Watson, elementare Mancini…

PREMIO SMEMORATO (DI LECCE) – C’era una volta lo smemorato di Collegno, storia vera del Primo Dopoguerra ripresa in un famoso film di Totò. Ebbene, lo smemorato (di Lecce) è il nostro ct Antonio Conte che per il doppio impegno azzurro non trova spazio tra i 28 convocati (dicansi 28…) per Daniele Baselli, oggi come oggi il centrocampista italiano più in forma. Conte ha invece chiamato in mezzo al campo, tra gli altri, Bertolacci (da incubo il suo avvio milanista), Parolo (frastornato in questi giorni come la sua Lazio) e Pirlo (36 anni, in dorato prepensionamento a New York). A proposito di Milan: chi spiega perchè Baselli era già stato acquistato nel gennaio scorso (con tanto di visite mediche già fissate) e poi è stato lasciato a Bergamo e infine è approdato al Toro? Cairo e Ventura sentitamente ringraziano.

PREMIO SOCRATES & MADJER – Tacco di Dio (il compianto Socrates) o Tacco di Allah (Madjer): Riccardo Meggiorini ha servito un assist all’altezza di cotanti prestigiosi “tacchisti” del calcio mondiale. Il suo colpo di tacco per il gol di Paloschi rimarrà una delle cose più belle di questo campionato.

PREMIO BOSNIA CAPUT MUNDI – Due specialità della casa: la punizione tagliata e il colpo di testa. Due interpreti di lusso, Miaralem Pjanic ed Edin Dzeko. I migliori giocatori del calcio bosniaco regalano tre punti importanti alla Roma e affossano la Juve quadricampione d’Italia. I due, 14 mesi fa, avevano messo insieme la firma sull’unica storica vittoria della Bosnia ai Mondiali, nel 3-1 (inutile ai fini della qualificazione agli ottavi) inflitto il 25 giugno 2014 all’Iran.

PREMIO GATTO DI MARMO – Giorgio Chiellini è forse il più sopravvalutato difensore italiano degli ultimi vent’anni. La sua reattività sulla zuccata (praticamente da fermo) di Dzeko per il raddoppio romanista contro la Juve ne è la fotografia lampante. Il Chiello lo marca (si fa per dire) davanti e non – come impone il manuale del perfetto stopper – da dietro. Purtroppo per la Juve e per la Nazionale di topiche del genere Chiellini negli ultimi anni (diciamo a partire da Euro 2012) ne ha regalato a bizzeffe.

PREMIO PANE AL PANE – Il Milan gioca male, non merita di battere l’Empoli. San Siro fischia a fine primo tempo (sull’1-1) ma applaude a fine partita. Sinisa Mihajlovic però vince il premio all’onestà: pane al pane, non si nasconde davanti a microfoni e taccuini. E ammette, in sostanza, che questo Milan fa proprio… schifo. In attesa di Witsel o chi per lui…

PREMIO RIMONTA – I gol di Quagliarella? I guizzi di Baselli? Le geometrie di Ventura? Le accelerate di Bruno Peres? Nossignori. I segreti del Torino primo in classifica e qualificato per gli ottavi di coppa Italia si chiamano paradossalmente Fornasier, Soddimo e Marcos Alonso. Sono i marcatori di Pescara (con la collaborazione del portiere granata Ichazo), Frosinone e Fiorentina che hanno svegliato il Toro assopito. Sempre sotto nei primi minuti (rispettivamente nelle tre gare al 17′, 6′ e 10′) e poi sempre vincente alla fine.

PREMIO SANA PROVINCIA – Chievo e Sassuolo lassù in cima alla classifica, in compagnia di Inter, Torino e Palermo a +6 sulla Juve vicecampione d’Europa. Complimenti a Maran e Di Francesco e alle rispettive società. Si aspettano viceversa i primi punti da Carpi e Frosinone, ancora al palo. Per la gioia, magari, di Lotito. Che in ogni caso ha altro a cui pensare. Per esempio,  a una Lazio fuori dall’Europa che conta e che nel giro di cinque giorni si prende sette pere senza segnare un gol.

 

Conte rosicone e Samir il presuntuoso

PREMIO PIPPERO – Ha ragione Sinisa Mihajlovic a lamentarsi più degli errori dei suoi che della svista arbitrale in occasione del gol laziale (evidente fallo di Klose che trattiene per la maglia Viviano in uscita e lo strattona). Errori gravi quelli di Eto’o e Soriano, topica colossale quella di Pedro Obiang che sullo 0-0 con la porta spalancata e con Berisha fuori causa è riuscito a sbagliare un gol fatto davvero clamoroso. E il centrocampista spagnolo, se ci fosse ancora Mai dire gol della Gialappa’s, vincerebbe per distacco il Pippero 2015.

PREMIO ROSICONE – Non lo ammetterà mai, anzi, si sta prodigando in sms di complimenti e dichiarazioni mielose nei confronti della sua (ex) Juve. Ma dietro l’ufficialità in Antonio Conte sale a mille il rosicamento. Perchè lui, il tecnico dei tre scudetti consecutivi e dei 102 punti, in Europa ha sempre fallito. Doppio flop, poi, quello della scorsa stagione: scivolato dalla Champions all’Europa League non era neppure riuscito a onorare una finale in programma allo Juventus Stadium privilegiando (in modo piuttosto ottuso) la tripla cifra in campionato alla possibilità di vincere l’Europa League. Con grande scorno del presidente Andrea Agnelli, costretto la sera prima di Siviglia-Benfica a fare il padrone di casa senza potersi sedere al tavolo bello imbandito della finalissima. E poi le ragioni del divorzio: quel letterale “quando ti siedi in un ristorante dove si pagano 100 euro non puoi pensare di mangiare con 10 euro” condito da ghignetto sarcastico. Invece adesso la Juve a quel ristorante è seduta con le posate d’argento e grazie ad Allegri, di euro, dalla Champions ne ha ricevuto circa 100 (milioni).

PREMIO PRESUNZIONE – Samir Handanovic probabilmente non rimarrà all’Inter. Vuole giocare in Champions League. Legittima ambizione, per carità, per uno che la magica musichetta l’ha solo sentita in tv (visto che con l’Udinese nel 2011-12 si fermò ai preliminari). Certo però sarebbe cosa buona e giusta che lo sloveno prima di salutare la compagnia desse una mano (magari due) all’Inter ancora in corsa per l’Europa League. La cappella su Morata che è costata la sconfitta contro la Juve non è la prima in stagione. Forse la peggiore annata di Handanovic in nerazzurro. Lui, abituato a far guadagnare punti alla sua squadra, quest’anno ne ha invece tolti qualcuno.

PREMIO CALCIOSPETTACOLO – Nove gol (e 6 punti) in sette giorni, mica male per il Genoa di Gasperini sempre in attesa (neppure troppo fiduciosa…) della licenza Uefa per poter giocare in Europa. Dopo il 5-1 al Toro, il 4-1 in casa Atalanta. Un vero miracolo targato Gasperini se è vero come è vero che a Bergamo mancavano Perotti (il miglior rossoblù di questa stagione), Niang (la rivelazione di gennaio) e Borriello. Del resto il potenziale offensivo del Grifone (con Iago Falque salito a quota 13 in classifica cannonieri) è notevole e con 54 reti la squadra di Gasp ha fatto meglio (tra le altre) di Roma, Inter e Milan.

 

Cariolato occhio di lince e gambero Mazzarri

PREMIO NON PERVENUTO – E’ trasversale e nazionalpopolare l’amore per Francesco Totti. La sua classe immensa e la sua storia di campione che si rinnova a 38 anni hanno fatto giustamente versare fiumi di inchiostro e assemblare ore e ore di belle immagini. Però, per dirla in romanesco, cuanno ce vo’ ce vo’… In questa stagione sta vivendo di rendita per il fantastico pallonetto a domicilio del Manchester City. Per il resto, zero gol su azione in campionato (dove Destro, quando gioca al suo posto, fa sempre centro) e le imbarazzanti ultime prestazioni in casa contro il Bayern e al San Paolo. Certo, il capitano è stato in buona (si fa per dire) compagnia e quei tracolli non possono essere addebitati solo a lui. Però in quanto leader della squadra di Garcia è giusto che si accolli tutte le responsabilità del caso. E magari anche qualcuna in più.
PREMIO OCCHIO DI LINCE – Il signor Cariolato Gianluca da Legnago batte i campi della Serie A da una decina di stagioni. Sabato pomeriggio è stato – con Benitez e Higuain – il protagonista assoluto di Napoli-Roma. Con la sua pelata e la sua bandierina gialla ha dato spettacolo e assistito alla stragrandissima il collega arbitro Tagliavento. Nella prima mezzora, ad esempio, è stato impegnato in almeno cinque-sei chiamate sul filo del fuorigioco. Le ha azzeccate tutte. Sempre facile, per noi soloni dell’arbitraggio alla moviola, trovare il pelo nell’uovo nelle prestazioni di fischietti e guardalinee. Queste volta Cariolato ci ha disarmati con la giustezza delle sue decisioni. Bisogna dargliene atto e gridarlo a voce alta. Non sappiamo se l’età glielo permetterà, ma dopo le Olimpiadi del 2012 a Londra il signor Cariolato della sezione di Legnago si meriterebbe di chiudere la carriera con Europei e Mondiali. E se va avanti a sventolare così nessuno potrà impedirglielo…
PREMIO IL GAMBERO – Già la scorsa stagione – a nostro avviso – Mazzarri aveva fatto flop. Senza le coppe europee, aveva il dovere di portare l’Inter almeno al terzo posto e invece è riuscito ad arrivare tra mille stenti in zona Europa League. Ebbene, l’Inter di oggi ha 4 punti in meno di quella di ieri. Gioca tremendamente peggio e mister Walter questa volta sembra non avere più alibi. E, forse, neanche la voglia di lottare.
PREMIO SUPERGOL – Quel rigore di Bergamo il Pipita Higuain è riuscito a metabolizzarlo in fretta. Segnando al San Paolo un gol da cineteca che ha aperto la strada al trionfo napoletano contro la Roma. L’ex bomber del Real è uno dei pochi top player della nostra Serie A. E adesso che si è svegliato, archiviando magari anche il clamoroso gol mangiato nella finale mondiale contro la Germania, per la squadra di Benitez nessun traguardo sembra più proibito.
PREMIO SUPERBA -La Genova alluvionata sorride con il pallone tra i piedi. Sampdoria e Genoa brillano in zona Europa. Mihajlovic e Gasperini sono tra i migliori tecnici su piazza e le loro squadre giocano obiettivamente bene. Tanto che sommando i punti la città della Lanterna ne ha più della Milano rossonerazzurra. Meritatamente.
PREMIO ZONA SPORTIELLO – C’era una volta Renato Cesarini, l’italoargentino della Juve anni Trenta specializzato nel segnare gol pesanti negli ultimi minuti di gioco. Oggi c’è Marco Sportiello, brianzolo nato a Desio ma di chiare origini campane, portiere dell’Atalanta specializzato nello strozzare in gola agli attaccanti avversari l’urlo del gol. Mercoledì scorso la sua prodezza in pieno recupero sul rigore di Higuain. Domenica pomeriggio la paratissima in pieno recupero sulla punizione mancina potente e precisa di Farnerud. E così l’Atalanta di Colantuono ha strappato due punti in zona… Sportiello.

Il 7brutto di Mazzarri e un tris di fischi e fiaschi

PREMIO A TUTTOGAS – Siam sinceri: per come si era espresso nei cinque mesi della scorsa stagione Honda pareva poco più di un Miura qualsiasi. Abulico, avulso dal gioco, in certi momenti quasi ridicolo. Forse l’aver fatto la preparazione dall’inizio, fors’anche l’orgoglio-samurai, fatto sta che adesso Honda non è più l’oggetto misterioso di inizio 2014 ma è tornato il nippocampioncino bandiera del Giappone calcistico. Quattro gol in sei partite, niente male.

PREMIO GOLAZO – L’espressione è sudamericana, ma rende l’idea. Bomba da applausi, bomba da tre punti quella del greco del Verona contro il Cagliari. E così Panagiotis Tachtsidis fa parlar di sè non solo in quanto cocco di Zeman, che a Roma lo preferiva nel cuore del gioco giallorosso al (quasi) intoccabile De Rossi. E proprio nei confronti del boemo il buon Panagiotis non è stato granchè riconoscente…

PREMIO BOMBA DA TRE – Un gol da tre punti, un gol per il 3-2 finale: Leo Bonucci, laziale di Viterbo, decide con una girata spettacolare la sfida dello Juventus Stadium. Di mestiere Bonucci i gol dovrebbe evitarli, spesso però gli capita di tirare fuori il jolly.

PREMIO LANTERNA MAGICA – Ok, Torino e Roma hanno raccolto più punti di Genova, ma dopo i veleni del derby i rossoblucerchiati possono esultare per una domenica in contemporanea. La Samp di Ferrero e Mihajlovic si gode la zona Champions, il Genoa di Preziosi e Gasperini si rilancia lasciando i bassifondi della classifica. E la Lanterna irradia luce e sorrisi.

PREMIO MAGO – A 55 anni suonati Maurizio Sarri si gode la ribalta della Serie A. Ha mangiato pane duro per tante stagioni, nei campacci e nei campetti di C2, C1 e B. Facendo quasi sempre bene e spesso benissimo. Adesso si scopre tecnico di vaglia anche nel calcio dei ricchi e famosi. Il suo Empoli gli regala la prima vittoria in A e dopo sei giornate aver subito solo due sconfitte è già un bel biglietto da visita. Soprattutto se si considera anche la crescita esponenziale di tre giovani toscani doc: il difensore in odore d’azzurro Rugani (classe ’94), bomber Pucciarelli (’91) e il difensore goleador Tonelli (’90).

PREMIO BANDA DEL BUCO – Errore da matita blu scura quello di Alessandro Lucarelli che negli ultimi sospiri di Parma-Genoa regala un assist pazzesco a Matri che costa ai ducali la sconfitta e un poco onorevole ultimo posto per una squadra che a maggio si era dimostrata la sesta forza del campionato.

PREMIO SUPERMARIO BALOTELLI – Il gol di Babacar che mette in discesa la partita della Fiorentina contro l’Inter è una chicca balistica. Un gol… “alla Balotelli”, specialità della casa del Supermario dei tempi migliori, quello della sua prepotente apparizione nell’Inter manciniana. Babacar è un classe ’93, con le sue prodezze Montella si sta dimenticando di avere ai box gente come Pepito Rossi e Mario Gomez…

PREMIO ORONZO CANA’ – Dieci punti in meno della Juve, sette gol subiti in 120 minuti da due squadre che prima di affrontare l’Inter non avevano certo incantato. Per Walter Mazzarri è un periodaccio, la sua Inter gioca malissimo e perde. E se la squadra perde terreno, il popolo nerazzurro comincia a perdere la pazienza.

PREMIO ARBITRO OCCHIALI 1 – C’è pestone e pestone. Se il pestone è di Alex sul piede di Maxi Lopez, panta rei, tutto scorre, il gioco prosegue. Se fosse stato – poniamo – di Zukanovic su Torres fischio immediato, rigore e magari pure giallo per il difensore. Così va il calcio in Italia (ma non solo): Mazzoleni a San Siro dimostra chiaramente cos’è la sudditanza psicologica (per non parlare del contropiede forse letale interrotto al Chievo per ammonire De Jong): d’altronde vestire una maglia a strisce (che sia rossonera, nerazzurra o bianconera) mette sempre, agli arbitri di poca personalità, una certa soggezione…

PREMIO ARBITRO OCCHIALI 2 – Rigori, rossi e polemiche. Nel 3-2 tra Juve e Roma l’arbitro Rocchi non imbrocca la sua miglior serata (eufemismo…)

PREMIO ARBITRO OCCHIALI 3 – Pali e traverse, legittimo in quanto a gioco il successo in rimonta del Napoli sul Torino. Ma l’arbitro Massa di Imperia (a nostro avviso il migliore tra le nuove leve) nega due rigori ai granata: uno per un doppio fallo di Albiol su Quagliarella e uno per un mani malandrino e poco involontario di Zuniga nelle battute finali.

 

I BUONI
SAMUEL – L’età avanza (andiamo nei 36…) ma la qualità è sempre quella. Walterone, alias il Muro, non concede nulla dietro e firma il gol che decide Inter-Sassuolo griffando così la prima vittoria nerazzurra del 2014. E dire che Mazzarri lo aveva tenuto in frigo per mesi…
ROMULO – Non entra nel tabellino dei marcatori, per cui la gloria futura del 2-2 in rimonta del Verona sarà tutta di Toni e Juanito Gomez. Però dal destro fatato del brasiliano partono i palloni giusti che propiziano le reti gialloblù (e anche quello da cui scaturisce la paratona di Buffon su Toni). Palle belle tese che fanno la gioia degli attaccanti appostati in area. Palle (anzi, Pelotas dal luogo di nascita del laterale ex Fiorentina) che tengono in vita il campionato.
MIHAJLOVIC – Quando si dice che cambiare allenatore non paga, andate a chiederlo nella Genova blucerchiata. Da quando Sinisa ha preso il posto di Delio Rossi la Samp viaggia a ritmi da Europa. Lo spettro della retrocessione ormai è lontano e il Doria può fare la corsa sui cugini rossoblù.
CRISTALDO – Paffuto e tracagnotto, Cristaldo fino alla doppietta del Comunale-Olimpico di Torino sembrava più una macchietta che un calciatore. Non fa cose straordinarie, intendiamoci (Bianchi e Padelli gli servono due assist impossibili da sbagliare). Ma nello psicodramma bolognese per la cessione di Diamanti, i due gol di questo argentino pescato in Ucraina tengono vive le chances di salvezza della squadra di Ballardini.
HIGUAIN – La terza doppietta argentina della giornata – oltre a quelle di Tevez e Cristaldo – è quella che rilancia il Napoli dopo due sconfitte consecutive. Il Pipita castiga due volte Abbiati e scala la classifica cannonieri. E Benitez tira un sospiro di sollievo…

I CATTIVI
ROBINHO – Anno 2004, con la maglia bianca del Santos che fu di un certo Pelè, un giovane Robinho faceva cose da pazzi nel campionato Paulista, nel Brasileirao e in Libertadores. Impossibile pensare, dieci anni dopo e vedendo questo Robinho, che si tratti della stessa persona. Certo, la sconfitta del Milan al San Paolo vede alla sbarra soprattutto i centrali difensivi e talune scelte di Seedorf. Ma la stagione di Robinho continua a essere un pianto. Altro che le lacrime di Balotelli…
DIFESA TORO – Il Torino si risveglia bruscamente dal sogno europeo ripiombando in incubi antichi. Cristaldo firma la doppietta della vittoria di un Bologna che non passava in casa del Toro dal lontano 1980-81. Ma più che le (ipotetiche) prodezze dell’argentino pesano le cappelle in serie di Darmian, Maksimovic e Glik in occasione del primo gol e quella di Padelli sul secondo.

Berardi e Florenzi, giovani da sballo

I BUONI

BERARDI – Ci permettiamo di eccepire con i (tanti) colleghi della carta stampata che gli hanno negato il 10 in pagella (unica eccezione, Andrea Ramazzotti del Corriere dello Sport). Ma come? Uno segna 4 gol, la sua squadra vince 4-3 e non merita il massimo dei voti? Onore e lode a Domenico Berardi, classe ’94, futuro attaccante della Juve e (se continua così) della Nazionale.
MIHAJLOVIC – Con Delio Rossi la Sampdoria aveva un piede e mezzo in Serie B, l’arrivo di Sinisa sulla panchina doriana ha risollevato le quotazioni dei blucerchiati che adesso hanno solo un punto in meno del Milan…
MAROTTA – Nella Juventus dei record i meriti di Conte e di tanti singoli rischiano di oscurare quelli di Beppe Marotta. Capace di portare a costo zero in bianconero prima Pirlo, poi Pogba e infine Llorente. E di pescare in Bundesliga un Vidal che adesso vale almeno quattro volte la cifra (11 milioni) versata al Bayer Leverkusen nell’estate 2011.
FLORENZILa Roma ai romanisti è un vecchio mantra sempre di gran moda a Trigoria e dintorni. Dopo Totti, De Rossi e Aquilani (poi approdato ad altri lidi) ecco Florenzi. La sua rovesciata che sblocca la sfida contro il Genoa è una perla che rimarrà al top per tutto il 2014.

I CATTIVI

MOURINHO – Per interposta persona… Solo un grande provocatore può pensare, al Real Madrid, di far fuori Casillas per far spazio ad Adan. Le cappelle del portiere del Cagliari contro la Juve sono da galleria degli orrori.
BALLARDINI & REJASperiamo di non assistere più a squallidi spettacoli come Bologna-Lazio di sabato scorso. Zero a zero nel tabellino, sotto zero in quanto a spettacolo.
BONERA & ZAPATA – La banda del buco rossonero a Reggio Emilia la combina grossa. I due centrali del Milan hanno sulla coscienza la cacciata di Massimiliano Allegri. Scusate se è poco.
MAZZARRI – Verissimo, l’Inter è in forte credito con gli arbitri. Ma la partita contro il Chievo rimane comunque di una notevole pochezza. E, se vogliamo, il gol ingiustamente annullato a Nagatomo era nato non da una pregevole trama offensiva ma da un tiraccio sbilenco di Jonathan. Visto che Mazzarri parla spesso di episodi, beh, quel gol sarebbe stato un Episodio con la maiuscola. Anzi, per dirla chiaramente, una bella botta di culo…